14/03/2014 giro “n’guattarella”

Visto che sono stato scoperto (dal “Vigile”), tanto vale confessare. Oggi, approfittando del giorno di ferie, e dovendo andare all’Agriturismo la Vita per confermare il ristorante per la Comunione di mio figlio, mi sono detto: “perchè non andare in bici?”. Ed allora, alle 10:30, salgo in sella alla mia nuova bike, e parto. Ho deciso di fare la “Stufa”, sia perchè credo sia la strada più corta, sia perchè è da tanto tempo che non la faccio e la voglio provare con la bici nuova. All’inizio mi sembra tutto molto bello, ho sensazioni positive e la gamba sembra girare bene; procedo con una buona andatura ed in poco tempo giungo alla parte più impegnativa della salita. E’ qui che cominciano i problemi: il caldo (mi sono coperto un po’ troppo per il sole odierno), il raffreddore che non mi lascia respirare bene ed il giusto passo con la doppia che fatico a trovare nei tratti più ripidi. Arrivo in cima già bello stanco. Per fortuna da ora in avanti mi aspetterà tanta discesa. Proseguo il giro, ma non scendo dalla Via di Mezzo, in quanto devo rientrare il prima possibile, e scendendo dall’asfalto guadagno tempo. Quando arrivo al bivio con tra Caprarola ed il Lago, si apre davanti a me, uno splendido panorama che mi riappaga della fatica fatta. Arrivo alla Vita in un batter d’occhio, faccio quello per cui sono venuto, e sono di nuovo in sella. Prendo la strada del ritorno tenendo una buona andatura ed in meno di un’ora sono a casa. Per chi vuole seguire la traccia, eccola. Ciao, ci vediamo domenica. Appuntamento alle 8:30.

P.S.: “n’guattarella” è, secondo Roberto D.B., il giro che si fa di nascosto, per allenarsi, e farsi trovare più preparato la domenica.

Annunci

02/03/2014 Ronciglione, Lago di Vico, Caprarola

IMG-20140302-WA0005

Nonostante le pessime previsioni meteo che non lasciavano speranze per questa domenica, il gruppo “Lenti & Tenaci” è riuscito a portare a termine questa bella e lunga uscita (58 Km e 900 mt di dislivello c.a.). Certo, il percorso scelto non è stato proprio tipico da MTB, ma non si potava fare altrimenti, viste le abbondanti piogge che, nei giorni precedenti, erano cadute sul nostro territorio. Comunque ce n’è stato per tutti i gusti: salite più o meno dure, discese, parti pianeggianti per far girare le gambe; proprio una bella uscita. Se poi a tutto questo sommate il forfeit  dell’ultim’ora di qualche “porta jella” specializzato in “makumbe”, che permette di completare il giro senza forature e guai meccanici, allora la giornata da bella diventa FANTASTICA. Appuntamento a domenica prossima (dovrebbe essere davvero bello, il tempo) con possibili novità…

Ecco la traccia GPX (stavolta ho preso quella di mio fratello).

29-12-2013 Ronciglione e Lago di Vico

E così, come si direbbe nel calcio, proprio in zona “Cesarini” è arrivato il giro bagnato. Un intero giro sotto la pioggia, a volte battente, a volte leggera, che ci ha accompagnato dal caffè al “5 Stelle” fino alla fine. Le condizioni meteo hanno anche influito sullo sviluppo del giro: infatti, una prima idea di percorso, prevedeva di esplorare nuove strade nei pressi di Civita C. e Castel Sant’Elia, ma l’inizio della pioggia ci ha fatto scegliere diversamente. Non sono mancati guai tecnici…vero Nicola?, brillantemente superati con l’intervento del Capitano/Meccanico. Ecco le prove:

Image

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Image

 

Image

 

 

 

Per chi non c’era, questa è la traccia GPX con curva altimetrica.

Image